This post is also available in English

Questa estate, abbiamo girato gli Stati Uniti scoprendo capolavori dell’architettura e meraviglie della natura…ma iniziamo dal principio: ecco come abbiamo volato verso gli USA.

Sapete già che mio marito Filippo è un appassionato di viaggi, voli e miglia, e per questo viaggio mi ha fatto una vera sorpresa… se mi avete seguito in viaggio su Facebook e Instagram lo saprete già.

La sua teoria è che ogni parte di un viaggio deve essere un’esperienza indimenticabile, anche il volo (anzi, per lui soprattutto il volo!) e che si può viaggiare e volare in grande, stando nel budget di una normale vacanza.

E’ finita che mi ha portato a New York su uno dei voli più esclusivi al mondo.

Su Facebook mi avete sommerso di domande, per questo lascio la parola a Filippo che ci racconta com’è andata e come ha fatto.

This summer, we had a trip around the US discovering architectural masterpieces and wonders of nature … but let’s start from the beginning: here it is how we flew to the US.

You already know that my husband Filippo is a travel geek, for this trip he surprised me … if you follow me on Facebook and Instagram you probably already know.

He always says that any part of the journey has to be an unforgettable experience, even the flight (for him, especially the flight!), and that you can travel and fly in style on a budget.

We flew to New York on one of the most exclusive flights in the world.

I received a lot of questions about this flight, so I asked Filippo to tells us about it and how he did it.

britishairways-ba1-lcy-jfk-22

Il volo dal London City Airport a New York JFK è più simile ad un viaggio su un aereo privato rispetto a qualsiasi altro volo commerciale al mondo. Per questa rotta, British Airways usa i codici di volo che un tempo erano assegnati ai mitici voli supersonici Londra-New York dei Concorde: nel nostro caso abbiamo viaggiato sul leggendario BA001.
Questo volo è forse uno dei più eccezionali ed esclusivi al mondo ed è sicuramente un modo unico di attraversare l’Atlantico. Per questo servizio, infatti, British Airways utilizza solo due aerei da 32 posti, tutti in business class.

The flight from London City Airport to New York JFK is more like a trip on a private plane than any other commercial flight in the world. On this route, British Airways employs the flight codes that were assigned to the supersonic flights of the London-New York Concorde: we traveled on the legendary BA001.
This flight is perhaps one of the most exceptional in the world, and is definitely a unique way to cross the Atlantic. For this service, British Airways employs only two 32-seats planes in business class configuration.

Il nostro aereo è quello a destra ;)

Il nostro aereo è quello a destra 😉

Il servizio è assolutamente eccezionale ed è stato creato per unire la praticità di un collegamento diretto tra il cuore di Londra e la grande mela, con un’esperienza da vera prima classe, dall’attenzione e cura dei passeggeri alla qualità del servizio e del catering.

“Vedrete, è un volo molto molto speciale”, così una hostess italiana di British Airways, sull’aereo che ci portava a Londra, ci ha descritto quello che ci aspettava. E aveva ragione al 100%.

L’unicità di questo volo è da subito evidente arrivando in aeroporto a Londra: banchi check-in ed un intero gate dedicati unicamente al LCY-JFK Service (così si chiama in gergo). Arrivati al gate 24, l’ultimo in fondo al terminal, ci rendiamo conto che in realtà siamo in una lounge riservata ai 32 passeggeri del BA001, con buffet e Champagne per ingannare l’attesa.

The service is absolutely outstanding and it’s designed to combine the convenience of a direct connection between the heart of London and the Big Apple, with a truly first-class experience, defined by the high quality of the service and of the on-board catering .

“It’s a very very special flight, you’ll see!” this is what an Italian British Airways flight attendant told us on the plane we flew on to London. She was 100% right.

The uniqueness of this flight is immediately visible at the London City airport: there are check-in desks and an entire gate reserved to the LCY-JFK Service. When we arrived at the gate 24 we soon realized that we were in a lounge reserved for the 32 passengers of BA001, with buffet and Champagne.

Ed ecco che scopriamo un’altra peculiarità unica di questo volo, che ci sta piacendo sempre di più: l’imbarco è consentito fino a 5 minuti prima della partenza.
Anche perché, la procedura di boarding è semplicissima: basta uscire dalla porta della lounge, fare due passi sul piazzale per salire sull’aereo che ci aspetta di fronte al gate.

We soon discovered another unique feature of this flight: boarding is allowed up to 5 minutes before departure.
In fact, the boarding procedure is very simple: you have just to walk out the door of the lounge to get on the plane that’s waiting right in front of the gate.

britishairways-ba1-lcy-jfk-20

Appena saliti veniamo accolti da Gary, il responsabile di cabina, una sorta di maggiordomo very British, che ci dà il benvenuto a bordo, ci accompagna ai nostri posti per poi farci scegliere come welcome drink tra 3 diversi tipi di Champagne D.O.C.

On the plane we were welcomed by Gary, the cabin manager, a sort of British butler, who pointed us to our seats and then let us choose from 3 different types of Champagne D.O.C.

britishairways-ba1-lcy-jfk-18

britishairways-ba1-lcy-jfk-21

L’aereo è un Airbus A318, una versione accorciata dell’aereo usato da easyJet e Alitalia per tutti i voli europei. Soprannominato babybus, ne esistono due esemplari al mondo equipaggiati con solo 32 posti in business class.

The plane is an Airbus A318, the shortened version of the aircraft used by easyJet and British Airways for all their European flights. Nicknamed babybus, there are just two aircraft like this one in the world, equipped with a 32 seats business class cabin.

Abbiamo giusto il tempo di renderci conto che a bordo siamo solo in 15 e gustarci l’aperitivo a base di sushi e Champagne (l’esperienza è da celebrare, dai!), che l’aereo inizia già la discesa.

There were just 15 passengers on board. A few minutes after takeoff, we’ve been served a sushi appetizer and champagne, and a few moments later the plane began to descent.

britishairways-ba1-lcy-jfk-12

Decolliamo direttamente dal Tamigi

britishairways-ba1-lcy-jfk-collage1

Ed eccoci all’altra eccezionalità di questo volo: dopo circa un’ora dal decollo, si atterra a Shannon in Irlanda, per sbrigare le procedure di immigration americana. Davvero!
In meno di mezz’ora, nell’aeroporto di Shannon praticamente deserto, sbrighiamo le pratiche di immigrazione americana, esattamente la stessa che si fa all’ingresso negli Stati Uniti, ma dedicata ai 15 passeggeri del BA001.
Qualche minuto dopo e, con i serbatoi pieni, siamo di nuovo in volo, ma adesso abbiamo l’autorizzazione ad entrare negli USA come un volo nazionale, senza controlli né immigration.

Prossima tappa: New York JFK.

And here it is the most unique feature of this flight: about an hour after the take-off, we landed at Shannon in Ireland, to clear the American immigration
In about half an hour, we cleared the US immigration at a TSA counter reserved to the 15 passengers of the BA001.
A few minutes later, once the plane has been refueled, we were back in the air, and our aircraft was now cleared to enter the US as a domestic flight, without further security checks nor immigration lanes.

britishairways-ba1-lcy-jfk-collage2

E’ il momento di rilassarci e iniziare a goderci il piacere di un viaggio transatlantico unico nel suo genere. Tra pranzo, frutta, dessert, controdessert, un film, ancora un po’ di Champagne e un pisolino sul sedile/letto con tanto di piumone, in meno di 7 ore siamo sopra Long Island, pronti a scendere sul JFK.

It ‘s now time to relax and start enjoying this unique transatlantic journey. After lunch, fruit, dessert, a movie, a few more glasses of Champagne and a nap on the seat/bed (with duvet too), in less than seven hours we were flying over Long Island, ready to land at the JFK airport.

britishairways-ba1-lcy-jfk-collage3

britishairways-ba1-lcy-jfk-11

britishairways-ba1-lcy-jfk-16

Atterrati a New York, British Airways non ha ancora esaurito le sue carte e in ogni aspetto si vede l’unicità di questo servizio: nel Terminal 7 i percorsi per i passeggeri del LCY-JFK sono riservati, essendoci “trasformati” in un volo nazionale, saltiamo tutti i controlli fino al ritiro bagagli, dove ci aspetta una signora di BA con i nostri bagagli e le carte d’imbarco per il successivo volo per Boston.

Salutiamo Gary, che ci ha accompagnati fino al ritiro bagagli, tutto contento per il weekend a Manhattan che lo aspetta e cerchiamo invano di convincerlo per l’ennesima volta che non siamo pazzi a proseguire per Boston senza fermarci a New York.  Coccolati fino alla fine.

Once we landed in New York, the outstanding British Airways service was not yet over: in Terminal 7 we found reserved lanes for LCY-JFK passenger and we were allowed to bypass all security checks and go straight to the baggage claim, where a BA representative was waiting for us with our luggages and she handed us the boarding passes for our next flight to Boston.

We said goodby to Gary, who escorted us to the baggage claim and who was excited for the upcoming weekend in Manhattan. We tried, with no success, to persuade him that we were not completely crazy continuing to Boston without having few days in New York.

britishairways-ba1-lcy-jfk-collage4

E’ stata un’esperienza unica e assolutamente indimenticabile.

Questo è forse uno dei viaggi aerei più incredibili che si possono fare, da provare almeno una volta nella vita. E si può fare! Nei prossimi post vi racconteremo come si fa a volare con stile senza svenarsi.

It has been a unique and absolutely unforgettable experience.

This is perhaps one of the most amazing flight you can fly on. You’ve to try it at least once in a lifetime. And you can do it! In the coming posts we’ll tell you how to fly in style on a budget.

britishairways-ba1-lcy-jfk-10

British Airways, grazie per il viaggio over the top!

Perchè abbiamo voluto raccontarla?

Per dire che non è solo la destinazione a fare di un viaggio il viaggio perfetto, ma sentirsi a casa anche in volo, provare il cibo migliore, essere accolti in uno stupendo hotel, fare esperienze uniche e irripetibili, sono componenti essenziali per rendere indimenticabile il nostro viaggio.

Vale la pena volare in business?

Secondo me, assolutamente sì. Anche se non si è milionari, si può viaggiare con un po’ di stile e trasformare ogni parte del viaggio in un piacere. Il viaggio aereo non è solo una scomodità necessaria per raggiungere la destinazione del nostro viaggio, anche il volo può e deve essere un momento indimenticabile e una pausa per rilassarsi e prepararsi alla meta successiva.

E come si fa?

Volando nei periodi giusti, scegliendo le giuste tariffe e con un po’ di fortuna, in alta stagione si riesce a volare in business ad un prezzo di poco superiore all’economy. Non è low-cost, ma è una realistica alternativa ad un viaggio in economy.
Quando cercate un volo, guardate anche quanto costerebbe la business class? Probabilmente no.
Non fermatevi all’idea che volare in business costa troppo. Non è sempre vero.

Avete da parte un po’ di miglia? Ecco qui come usare le miglia per volare gratis in business class.

Vi faccio un esempio: per volare a cavallo di capodanno 2017 da Milano a Hong Kong in economy, su una compagnia aerea decente, ci vogliono circa 900 euro. Lo sapete che con 1.000 euro circa ci andate in Business Class con British Airways su un A380?

 

Nei prossimi post, vi racconterò il nostro viaggio e anche qualche segreto per viaggiare con stile ma con un budget da economy.

Filippo

Why are we writing about it?

We want to say that it is not only the destination of a trip to make it the perfect, but feeling at home on a plane, trying the best food, being welcomed into a beautiful hotel, experiencing something unique and unrepeatable, are all essential components for an unforgettable journey.

Is it worth flying in business class?

In my opinion, absolutely yes. Even if you are not a millionaire, you can travel in style and make every part of the trip a pleasure. Air travel is not just an inconvenience required to reach the destination of our journey, the flight should be an unforgettable moment too and prepare ourselves for the next destination.

How to fly in business class?

You can fly business class paying a slightly higher price than coach by flying in the right time, choosing the right fares and with a little “luck”. It is not a low-cost option, but it is a realistic alternative to traveling in economy class.
When you look for a flight, do you check how much it would cost flying in business class? Probably not.

Do not think that flying business class always costs too much. It is not necessarily true.

You saved some air miles? Redeem them in exchange of free flights in business class.

Filippo


 

Intanto date un’occhiata a: